Couchsurfing. Una delle invenzioni più importanti dell’essere umano.

Puoi alloggiare in giro per il mondo senza pagare e incontrando persone del posto.

Non è fantastico?

Ma le cose belle di Couchsurfing non finiscono qui.

Ti sei mai chiesto se si riesce a combinare qualcosa con Couchsurfing?

Ti dirò come ho fatto io più volte seguendo semplicemente il buon senso.

Sai che nonsonounseduttore si imposta proprio sull’assunto che sedurre con una mentalità misogina è la cosa peggiore e meno efficace che si possa fare.

Se non pensi di essere misogino, ti dò una notizia: tutti gli uomini lo sono. Noi occidentali lo siamo magari in maniera più velata degli islamici, ma comunque lo siamo.

Non ti preoccupare ne puoi uscire. Sei un bravo ragazzo. Si vede.

Detto questo, come regolarsi quando si tratta di provarci con le ragazze di Couchsurfing che ospiti a casa tua?

Prima cosa: anche loro sono lì per quello.

O meglio, non sono lì solo per quello e comunque non lo ammetteranno mai.

Ma siccome sono esseri umani, con le loro normali e sane pulsioni sessuali, se la cosa capita con tranquillità e naturalezza non è certo la cosa più improbabile del mondo.

Non ti preoccupare non sei solo tu che su couchsurfing tendi a chiedere a donne di essere ospitato. Anche le donne, dal canto loro, tendono a chiedere di essere ospitate dagli uomini. Perché secondo te?

Ricorda sempre che nonostante le donne siano educate dalla nostra cultura fin da piccole a celare il loro sano e naturale desiderio sessuale quel desiderio sessuale ce l’hanno.

Ecco perché puoi rilassarti e farti una risata.

Non c’è bisogno di fare i salti mortali. Anzi, è proprio quando cominci a farli che rovini tutto.

Quindi non pensare mai che loro non ci stiano pensando.

Ci stanno pensando, solo vorrebbero che se accadesse, fosse spontaneo e naturale, non certo indotto da tecniche e frasi che hai letto su internet.

Ricorda sempre che le donne pensano al sesso esattamente quanto te.

Questo ti servirà a stare più tranquillo.

Detto questo, a meno che tu non abbia deciso di ospitare la ragazza in questione per 2 settimane, avrai poco tempo per agire.

Ma nemmeno questo ti deve innervosire: anche se si tratta di 2 giorni, hai tutto il tempo che serve.

Come sempre non cercare di colpire, far ridere o impressionare.

Anche per quanto riguarda il profilo Couchsurfing, metti semplicemente una decina di foto in cui stai bene.

Scrivi 2-3 righe per ogni sezione senza strafare.

Non mettere il blocco alle richieste maschili, sia perchè ci potrebbero essere ragazzi simpatici che effettivamente ti va di ospitare, sia perché se non ti va puoi sempre rifiutare.

Inoltre far presente sul profilo che si accettano solo richieste da parte di Couchsurfer donne, dà l’idea che tu sia lì solo per quello.

 

Passiamo al caso in specie:

il giorno del loro arrivo, passo a prendere Karolina e Daria di mattina direttamente all’aeroporto con un amico e cominciamo subito tutti a scherzare.

Generalmente per legare con gli/le stranieri/straniere basta auto-sfottersi un pochino da Italiani reiterando simpaticamente gli stereotipi.

Nel mio caso faccio stare gli ospiti CS in una dependance, questo mi aiuta ad avere uno spazio appartato dove possono rimanere con serenità, ma non è super importante.

Arrivati a casa dopo aver dato la possibilità alle ragazze di rinfrescarsi usciamo per fare un giro città.

Camminiamo un bel po’ per mostrare alle ragazze le cose più importanti e all’ora di pranzo ci fermiamo in una rosticceria per far assaggiar loro alcune specialità locali.

Intanto ci conosciamo meglio e da parte mia comincio un minimo di avvicinamento fisico verso Daria la più silenziosa delle due.

Noto che Daria se mi avvicino non si allontana.

Ottimo segno.

Nel pomeriggio ci trasferiamo in uno dei Parchi della città, era Giugno quindi si poteva stare stesi al caldo a farsi accarezzare dal sole. Lì al parco troviamo anche altri amici tra erasmus, autoctoni e altre persone.

Mentre siamo stesi sugli asciugamani io metto la testa sulla pancia di Daria e ci facciamo alcuni selfie per ricordare il momento.

Torniamo a casa, parliamo del più e del meno e lascio le ragazze da sole a riposare qualche ora in vista della festa a casa di amici in programma per la sera stessa.

Alle 22 siamo di nuovo tutti vivi e attivi per andare a divertirci insieme.

Arriviamo alla festa: l’atmosfera è casalinga, ci sono patatine, bottiglie di alcolici economiche sul tavolo e musica proveniente da uno stereo.

La situazione parte piano, ma via via che l’alcol comincia a scorrere la gente si rilassa.

A un certo punto, un paio d’ore dopo, mi ritrovo seduto a terra su alcuni cuscini con accanto Daria, mentre parliamo del più e del meno la mia mano si ritrova “per caso” sul suo interno sua coscia.

Noto che la lascia lì.

A quel punto dopo un po’ che ci guardiamo, il ritmo rallenta e mentre ancora la accarezzo le dico all’orecchio: “torniamo a casa?“. Lei obietta che Karolina è ancora lì, ma scopriamo che Karolina è molto presa da una conversazione con un ragazzo, conosciuto alla festa, con cui poi sceglierà di passare la serata.

Dopo averle fatto capire che Karolina è in buone mani, andiamo via e saliamo in macchina per tornare a casa mia. Durante il viaggio lei è un po’ preoccupata per Karolina, prende il cellulare e le chiede via whatsapp dove si trova. Karolina le manda un messaggio dicendo che è tutto a posto, che si trova a casa del ragazzo di prima e che ci saremmo rivisti la mattina dopo. Daria si tranquillizza e saliamo in dependance insieme.

Entriamo, io mi giro verso di lei e sto zitto, la guardo. Mi viene un sorriso, lei abbassa lo sguardo. Vado col bacio lei si gira, quindi vado sul collo. Parte la finta resistenza: mi fa notare che forse non è il caso, che ci conosciamo solo da quella mattina ecc… Trenta secondi ci stiamo baciando.

Io ribadisco che a me la cosa non piace se non è reciproca, è che lei deve fare ciò che si sente.

Questa è una delle cose in cui credo fermamente. Intanto comunque continuiamo a baciarci in maniera sempre più spinta. Alla fine, dopo un altro po’ di tira e molla si lascia andare. In tasca con me ho sempre almeno due amici incappuccianti, metto la mano, spero di non averli persi alla festa e per fortuna sono lì!

Il giorno dopo continua in grande relax: visitiamo altre cose della città e ci raccontiamo con Karolina e Daria della sera precedente.

Queste cose sono molto comuni con Couchsurfing e se la prendi con estrema tranquillità (cosa che spero scaturisca dall’articolo) avvicinandoti piano e rimanendo calmo e rilassato, possono accadere spesso.

Come hai notato non ho fatto niente di particolare, perchè non serve fare nulla in particolare, se non, come dico sempre: stimolare l’eccitazione sessuale della donna in questione. Che è ciò che si propone di insegnarti questo sito.

Non ho parlato molto, non ho tentato di farla ridere, non le ho raccontato di episodi che mi riguardano per apparire figo

Mi sono solo dedicato un po’ a conoscerla e intanto mi sono avvicinato sfiorandola e cercando il contatto durante la giornata.

Lei era ricettiva, non si allontanava.

Una mano sulla coscia a fine serata era quasi inevitabile, a meno che di non costringersi a non toccarla.

Questo principio non vale solo con le straniere, vale con tutte le donne.

Le donne non vogliono che sia fatto niente in particolare, vogliono che tu sia normale e che tu le faccia arrapare.

Pensaci: è molto più rara una persona normale rispetto ad una che è costantemente in tensione per fare colpo e così facendo risulta inquietante e viscida.

Rimani tranquillo, non fare l’errore maschilista di pensare che le donne non desiderino e non vogliano fare sesso quanto te. Anche loro non aspettano altro che quello.

Apriti al fatto che la sessualità femminile sia in costante attività esattamente come la nostra.

Rispetta però anche il fatto che le donne siano abituate a nasconderla per non essere criticate. Fa parte del gioco. Quindi goditela, rilassati e rimani in ascolto.

*N.B. I nomi dei protagonisti sono stati sostituiti per rispetto della loro privacy, per lo stesso motivo la foto dell’articolo non ritrae le persone descritte nell’articolo.*

Scritto da Marco Bux
Chiedi agli altri coach di seduzione quanto scopano, poi torna qui da me.