Perché nonsonounseduttore?

big lebowski wait on couch.gif 500×300

Il motivo è molto semplice: uno dei cancri che affliggono la nostra società è la costante voglia di “sedurre”.

C’è una spasmodica voglia di “piacere”, di essere accettati a tutti i costi, di ricevere “like”, insomma di ottenere l’approvazione altrui come se fosse l’ideale più alto a cui ispirarsi nella vita.

L’atto di sé-durre (l’etimologia latina ha il significato di portare a sé), cioè l’atto di avvicinare, portare dalla propria parte gli altri, non è un fatto negativo di per sé.

Il problema è il volerlo fare a tutti i costi.

Il costo maggiore che spesso viene pagato è la totale alienazione da se stessi.

Voglio piacere a tutti i costi quindi mi snaturo nella speranza che qualcuno mi dia il suo consenso.

Quando si parla di “piacere” alle donne (o in genere al sesso da cui si è attratti) questo meccanismo è esasperato.

Il motivo è che da sempre ci hanno spiegato che per “piacere” al genere femminile non possiamo essere uomini, persone normali: dobbiamo far vedere la parte migliore di noi, dobbiamo “intortare”, dobbiamo essere seduttori.

Questo sito rifiuta totalmente questa visione, non solo perché il cambiare di volta in volta la propria personalità nella speranza di piacere è una guerra persa in partenza ed è un inferno personale, ma anche e soprattutto perché paradossalmente è il modo meno efficace di… sedurre.

Quanto meno tenti di cambiarti, edulcorarti, snaturarti tanto più porterai gli altri verso di te.

Ciò che è davvero raro non è il super-figo (o la super-figa) che è medico-chirurgo, ricco, bello, abbronzato, alto e muscoloso, paracadutista nel tempo libero. Al contrario ciò che è raro è l’uomo con cui si può fare una conversazione normale senza percepire che sta cercando in tutti i modi “stupire”, “impressionare”, “colpire”.

Nella psiche maschile, ma anche in quella femminile, non appena si interagisce con una persona che viene considerata “attraente” parte immediatamente il modello di comportamento “devo mostrare la parte migliore di me“.

Pochi si rendono conto che è questo atteggiamento ad avere il paradossale effetto contrario di allontanare le persone e far calare a zero ogni possibilità di avvicinamento.

Non ci si allontana però solo dall’altra persona: ci si allontana da se stessi.

Si diventa meno autentici, si perde il contatto con la propria essenza, nell’eterna e vana ricerca di approvazione altrui.

Ciò che è davvero raro è trovare uomini e donne autentici che non fanno lo sforzo di voler apparire migliori di quello che sono.

Perciò non è che non DEVI fare niente in particolare per sedurre, è che PUOI non fare niente di particolare.

Ti puoi permettere di non edulcorare la tua personalità e di rilassarti, e se lo fai il risultato sarà che l’altra persona si ritroverà attratta da te proprio perché vedrà davanti a sé una persona NORMALE.

Un normale, puro, autentico uomo.

La mia missione è quella di liberare l’uomo (e possibilmente anche la donna) dal peso insostenibile di dover cambiare la propria personalità di volta in volta nel tentativo di sedurre.

Il mio obiettivo è quello di far capire agli uomini che se danno il permesso a loro stessi di essere NORMALI l’effetto è proprio quello di essere seducenti.

Perciò nonsonounseduttore: sono semplicemente un UOMO.